Il carbone russo continuerà a dirigersi verso l’Europa almeno fino ad agosto, afferma l’UE

di | Maggio 10, 2022

L’UE ha in programma di approvare un divieto totale sul carbone russo che entrerà in vigore da metà agosto 2022, ma è un mese più tardi del previsto.

La decisione è arrivata dopo che la Germania ha esercitato pressioni per ritardare la misura.

L’eliminazione graduale delle importazioni di carbone russo dall’UE è la misura fondamentale di un quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia che la Commissione europea ha proposto questa settimana, in reazione alle uccisioni di civili nella città ucraina di Bucha.

Una volta approvato, sarà il primo divieto dell’UE a qualsiasi importazione di energia dalla Russia dall’inizio di quella che il Cremlino chiama la sua “operazione militare speciale” in Ucraina il 24 febbraio.

Petrolio e gas, che rappresentano importazioni molto maggiori da Mosca, sono ancora intatti.

Ma il carbone è il combustibile fossile più sporco, responsabile di oltre 0,3°C dell’aumento di 1°C delle temperature medie globali. Questo lo rende la più grande fonte di aumento della temperatura globale. Abbiamo bisogno di un assorbimento delle energie rinnovabili se vogliamo affrontare la crisi climatica. 

Petrolio e gas, che rappresentano importazioni molto maggiori da Mosca, sono ancora intatti.

La Commissione europea aveva inizialmente proposto un periodo di sospensione di tre mesi per i contratti esistenti, il che significa che la Russia potrebbe effettivamente esportare carbone nell’UE per 90 giorni dopo l’imposizione delle sanzioni, secondo un documento visto da Reuters.

Fonte: https://www.euronews.com/green/2022/04/08/russian-coal-will-still-be-heading-to-europe-until-at-least-august-says-eu